Hard Reset – power trio “passionale”


By Bluff

Inizio questa recensione con una piccola introduzione, spero mi scuserete e riusciate a seguirmi nelle mie divagazioni ma credo sia necessario delineare una cornice particolarmente accurata prima di andare a vedere nello specifico quello che è l’oggetto principale dello scritto.

Lasciate che vi presenti i fiorentini “Hard Reset”. Non ho intenzione di tracciare un’ampia biografia dei membri o della band, voglio solo rendere note le cose che ho apprezzato di questi tre ragazzi. Ebbene sì, tre! Non ho mai nascosto il mio amore per i “Power Trio” (Cream, Primus, Nirvana ecc.) e soprattutto per il difficile ruolo che ogni componente si trova a ricoprire in una formazione così “minimal”. Se non si occupa perfettamente i propri spazi e il proprio ruolo si rischia un completo fallimento, un sovrapporsi di suoni anonimi ed inespressivi. Ebbene questo non è il destino cui sono andati e andranno incontro gli Hard Reset. Ho ascoltato con piacere tutti i loro brani, sentendo all’interno di questi tanta ma tanta esperienza, maturata dai singoli componenti durante il loro passato musicale. Infatti tutti e tre presentano un “curriculum” (passatemi il termine) degno di nota, c’è chi come Sergio Strada (Chitarra e Voce) ha un passato come turnista per molti artisti e come militante in molte band, chi come Luca Murano (Basso) ha esperienze da polistrumentista che emergono molto bene dal modo in cui suona le sue 4 corde e chi come Mauro Macchia che vanta una vasta conoscenza della batteria e di live anche all’estero. Beh! Con una premessa come questa cosa posso aspettarmi? Sistemo le cuffie sulle orecchie e setto i volumi del mio computer preparandomi all’ascolto.

L’Ep è composto da 5 brani che ci presentano i vari generi intrapresi dalla band. Si può sentire influenze Punk-Rock, tracce di Noise e una discreta componente Alternative e New Wave. Il genere si adatta perfettamente alla formazione, ogni strumento ha i suoi spazi e i suoi suoni, si passa da arpeggi alla chitarra a potenti riff di basso sino ad esplodere dopo una rullata in un insieme di suoni che mai si intralciano e che riescono a coesistere portando perfettamente avanti la traccia, o per meglio dire l’intero Ep. Faccio questa precisazione perché la durata complessiva è poco più di 18 minuti, decisione (secondo me) azzeccatissima. Si coglie ovviamente lo stacco fra un brano e un altro ma si ha come la percezione che tutti assieme facciano parte di un progetto più ampio; infatti i sound delle varie tracce si fondono dando un’idea di continuità, di un progetto ben studiato, composto da persone che la musica la conoscono sulla loro pelle. Poche tracce, sufficienti ad esprimere gli Hard Reset.

L’Ep apre con “What I hoped to find”, ottimo brano d’introduzione. La struttura è molto interessante, per i primi 2 minuti è un classico, presenta un intro, un verso, un chorus e così via, ma improvvisamente esplode in uno stacco che non mi sarei aspettato. E’ come se fossero stati inseriti due chorus nella stessa canzone. Bella composizione e buona effettistica.

La seconda traccia “Rain” riesce a stupirmi come la prima. E’ un brano molto espressivo da tutti i punti di vista. Strumentalmente parlando contrappone una composizione melodiosa nel verso a suoni più duri nel chorus sino a giungere aall’apice dopo un immobile silenzio verso il terzo minuto. La voce, rispetto al primo brano è molto più espressiva. La terza traccia “Tweed” la lascio giudicare a voi, è forse la più espressiva dell’Ep, quella che mi ha lasciato il maggior riverbero nelle orecchie… Venice Souvenirporta l’attenzione soprattutto sulla linea vocale, molto espressiva. La composizione sembra disegnare perfettamente quello che è il titolo scelto per il brano. Traccia dalla forte carica emotiva, degna di una canzone di chiusura…e invece…

Chiude il tutto “Itsalovesong” una piccola traccia “instrumental” di 2 minuti spaccati. Il tempo è interamente occupato da un unico tema che va via via evolvendosi con il sovrapporsi, inizialmente delicato poi più prepotente, dei vari strumenti. Chiudere con uno strumentale sottolinea le capacità di questi ragazzi, l’amore per la musica, la voglia di suonare assieme, le sale prove infinite e le potenzialità di una band che suona attraverso la propria passione.

https://www.facebook.com/hardresetofficial

http://www.reverbnation.com/hardreset

Annunci

Informazioni su il Taccuino

Ufficio Stampa per Scrittori ed Editori di qualità.
Questa voce è stata pubblicata in blog, blog italia, emergenti, firenze, indie, italia, italy, musica, rock, toscana e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...